Napolillo e il dramma dell’immigrazione ne Le tartarughe tornano sempre

le tartarughe tornano sempre

Vediamo se riesco a convincerti a leggere questo libro? Una volta alla settimana, per tutto il mese di aprile, ti farò leggere qualche passo del romanzo di Enzo Gianmaria Napolillo Le tartarughe tornano sempre e, magari, ti appassionerai alla storia, se non la conosci già, e deciderai di leggerla tutta.

Ho pensato a questa rubrica, che spero ti piaccia, perché non sempre basta leggere la quarta di copertina di un libro o l’estratto digitale che trovi negli store online per decidere se acquistarlo o no. Non ti è mai capitato di essere tradito dalle poche righe lette in libreria e rimanere deluso alla fine della lettura? A me sì. In questi articoli potrai leggere alcune pagine e, così, scegliere senza troppi rischi.

Le tartarughe tornano sempre: trama

Pubblicato nel 2016, il libro parla del dramma dell’immigrazione, visto dagli occhi dei due giovani protagonisti: Salvatore e Giulia. Napolillo ne Le tartarughe tornano sempre, tradotto pure in francese, affronta questo tema senza retorica e con semplicità, parlando dei viaggi della speranza, dei naufragi e dei morti inghiottiti dal mare. Come quelli che sconvolgono e cambiano per sempre la vita di questi due ragazzi. Così, la storia dei due, innamorati da sempre, nonostante le avversità, si intreccia con quella di uomini, donne e bambini disperati che si gettano in mare perché credono sia questa l’unica possibilità per sopravvivere. L’ennesimo tremendo naufragio cambia per sempre la piccola isola dove vivono Salvatore e Giulia, fino a quel momento un meraviglioso e sconosciuto paradiso terrestre, ma anche le vite dei suoi abitanti. La tragedia rompe ogni equilibrio anche nella vita dei due protagonisti che scoprono il senso del loro amore e del loro destino. Una storia commovente e che ho amato molto. Non ti racconto altro, ma ti faccio leggere l’incipit di questa storia tutta da scoprire.

tartarughe
tartarughe1

tartarughe3

Se ti è piaciuto l’incipit del romanzo, condividi l’articolo.

A chi non si arrende e continua a cercare.”

Enzo Gianmaria Napolillo

copertina le tartarughe tornano sempre



Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*